Dely De Marzo “Uomo”

Giuseppe “Dely” De Marzo (classe ’77), barese di nascita, è un artista poliedrico le cui esperienze di vita e professionali fatte con un pubblico eterogeneo sono il cilindro da cui attingere la realtà ‘fantastica’ che racconta nelle sue canzoni.

Il suo rapporto con la musica nato già nei primi anni 90 è cresciuto ed è maturato passando anche attraverso altre forme d’espressione: la commedia ed il teatro per ragazzi, ed in particolare la clowneria e la focoleria di strada che lo hanno portato in giro per le varie piazze  d’Italia. Da queste ultime Dely ha imparato ad interagire con il pubblico e ad entrarci in sintonia.

Nel 2007 nasce “Dely“, attraverso un percorso fatto di trasformazione e di fusione con le altre arti: non a caso un po’ cantastorie, un po’ teatrante, un po’ circense, volutamente dal sapore retrò e bohémien.


“UOMO”: il Disco

Uomo” è l’album di esordio di Dely in uscita perGoodfellas ad aprile 2016 e nasce dalla necessità di toccare tematiche attuali come fragilità, forza, speranze e difficoltà che deve affrontare quello che viene definito il trentenne del nuovo millennio.

Il disco contiene 12 tracce, che ognuno può vivere ben oltre le note e si presenta come un mosaico di arrangiamenti mutevoli e modulabili ironicamente libero da obblighi e regole di generi, dando all’ascoltatore il potere di ordinare le diverse tessere secondo il suo personale sentire.

E’ così che due amanti diventano spezie come “Menta e Cioccolato”, e tutti quelli di “Circa 36” anni diventano nel brano da cui prende nome il disco,“la generazione che rischia di essere ricordata esclusivamente come quella che indossava le mutande con la scritta uomo” e fra giocatori incalliti che lui definisce “grattatori cronici”, ragazzine lido-dipendenti, figli di dottori, e rigurgiti di una nuova borghesia, Dely con ironia guarda divertito e sorridente “mentre tutto scorre e se ne va”, non trascurando di toccare tematiche spirituali e ricerca della felicità.

Un percorso in cui il nostro trentenne impara a riconoscere i punti cardini man mano che vive l’alienazione di questi tempi, rendendo il disco stesso un vero e proprio cameo generazionale.

Preview di “Uomo” disponibile su: